Lunedì, 6 luglio 2015 dalle ore 10:00 alle ore 18:30

presso l’Istituto Luigi Sturzo – Palazzo Baldassini – Via delle Coppelle, 35 – Roma

presenta il IX° Rapporto di Previsione sull’Economia Italiana

Il rapporto si articola in due parti:

–         Le Analisi
-         Le Previsioni

Nella parte Analisi si presentano le stime econometriche sul costo della corruzione, sull’evasione e sugli effetti negativi conseguenti al super euro per il periodo 2002 – 2014.
In sintesi, Economia Reale valuta quale potrebbe essere stata la situazione in questi anni se fossero state fatte rigorose riforme strutturali a partire dai primi anni duemila.
Il risultato è che la crisi italiana di questi anni è stata fatta “tutta in casa” , è dovuta alla mancate riforme e non dipende né dalla crisi europea e né dagli andamenti del resto del mondo.

Nella parte Previsioni si indica una modesta e lenta ripresa che dovrebbe far registrare quest’anno una crescita dello 0,6% edell’1% l’anno prossimo.
Proiettando questi andamenti nel medio-lungo periodo si verifica che il recupero del livello del PIL del 2007 (prima della crisi)avverrà attorno il 2023/2024 e il ritorno del tasso disoccupazione ai livelli del 2007 avverrebbe dopo il 2026.
Queste previsioni tendenziali evidenziano gravi rischi di tenuta del tessuto sociale ed economico del Paese.
Per questa ragione, Economia Reale propone una terapia d’urto di politica economica necessaria ed urgente da attuare al più tardi con la prossima Legge di Stabilità per uscire dalla crisi entro il 2018 e cioè circa 5-7 anni prima rispetto gli andamenti tendenziali.
La giornata di lavoro si concluderà con l’intervento del prof. Romano Prodi.

 

 

Scarica il programma del workshop con temi e partecipanti a confronto (aggiornato al 3/7/2015)

Scarica il Rapporto di Previsione

Scarica l’Executive Summary

L’articolo sul Corriere della Sera

Vedi l’articolo sulle note di aggiornamento di dicembre 2015